Movies time 2021

Questi sono i film che sono riuscita a vedere quest’anno, molti non sono recenti, il metro di giudizio è conciso: da 1 a 5 stelle.

Legenda delle parentesi: anno; regista; genere; cast.

Noelle ****

(2019; Marc Lawrence; commedia, fantastico; Anna Kendrick, Shirley MacLaine, Bill Hader, Julie Hagerty, Billy Eichner, Kingsley Ben-Adir, Maceo Smedley)

La galleria dei cuori infranti  *

(2020; Natalie Krinsky; commedia, sentimentale; Geraldine Viswanathan, Dacre Montgomery, Utkarsh Ambudkar, Molly Gordon, Philippa Soo, Bernadette Peters)

Palm Springs  *

(2020; Max Barbakow; commedia, fantastico, sentimentale; Andy Samberg, Cristin Milioti, J.K. Simmons, Peter Gallagher, Meredith Hagner, Camila Mendes, Tyler Hoechlin)

La Befana vien di notte  *

(2018; Michele Soavi; commedia, fantastico, avventura; Paola Cortellesi, Stefano Fresi, Fausto Maria Sciarappa, Giovanni Calcagno, Giuseppe Lo Piccolo, Luca Avagliano, Odette Adado, Jasper Gonzales Cabal, Diego Delpiano, Robert Ganea, Francesco Mura, Cloe Romagnoli)

L’amore a domicilio  *

(2019; Emiliano Corapi; commedia, drammatico; Simone Liberati, Miriam Leone, Fabrizio Rongione, Anna Ferruzzo, Luciano Scarpa, Antonio Milo)

Mary ed il fiore della strega  *

(2017; Hiromasa Yonebayashi; animazione, avventura, fantastico)

I Peggiori  ***

(2017; Vincenzo Alfieri; commedia, azione; Vincenzo Alfieri, Lino Guanciale, Sara Tancredi, Tommaso Ragno, Antonella Attili, Miriam Candurro, Biagio Izzo, Francesco Paolantoni, Ernesto Mahieux, Liyu Jin)

La ragazza dei tulipani  **

(2017; Justin Chadwick; sentimentale, drammatico; Alicia Vikander, Dane DeHaan, Jack O’Connell, Holliday Grainger, Judi Dench, Christoph Waltz, Douglas Hodge, Cara Delevingne, Tom Hollander)

The new mutants  ***

(2020; Josh Boone; fantascienza, azione; Anya Taylor-Joy, Maisie Williams, Charlie Heaton, Alice Braga, Blu Hunt, Henry Zaga, Adam Beach)

Let’s Dance  *

(2019; Ladislas Chollat; musicale, sentimentale; Rayane Bensetti, Fiorella Campanella, Guillaume de Tonqudec, Alexia Giordano, Mehdi Kerkouche, Line Renaud)

Kiss & Cry  *

(2017; Sean Cisterna; drammatico, sentimentale; Sarah Fisher, Luke Bilyk, Chantal Kreviazuk, Sergio Di Zio, Julia Tomasone, Brittany Bristow)  

Yesterday  **

(2019; Danny Boyle; commedia, sentimentale, fantastico, musicale; Himesh Patel, Lily James, Joel Fry, Kate McKinnon, Ed Sheeran, Alexander Arnold, James Corden)

The Prom  ***

(2020; Ryan Murphy; musicale, commedia; Meryl Streep, James Corden, Jo Ellen Pellman, Nicole Kidman, Keegan-Michael Key, Andrew Rannells, Ariana DeBose, Kerry Washington)

Time Freak  *

(2018; Andrew Bowler; commedia, sentimentale, fantascientifico; Asa Butterfield, Sophie Turner, Skyler Gisondo, Will Peltz)

Ammore & Malavita  ***

(2017; Manetti Bros.; commedia, musicale, gangster; Giampaolo Morelli, Serena Rossi, Claudia Gerini, Carlo Buccirosso, Raiz, Franco Ricciardi, Antonio Buonomo, Giovanni Esposito)

Pane & Burlesque  *

(2014; Manuela Tempesta; commedia; Sabrina Impacciatore, Laura Chiatti, Daniela Andreotti, Edoardo Leo, Giovanna Rei, Marco Bonini)

Voglio mangiare il tuo pancreas  *

(2018; Shinichiro Ushijima; animazione, sentimentale, drammatico)

American Animals  **

(2018; Bart Layton; drammatico, thriller; Evan Peters, Warren Lipka, Barry Keoghan, Spencer Reinhard, Blake Jenner, Chas Allen, Jared Abrahamson, Eric Borsuk, Ann Dowd, Betty Jean “BJ” Gooch)  

Sai tenere un segreto?   *

(2019; Elise Duran; commedia, sentimentale; Alexandra Daddario, Tyler Hoechlin, Judah Friedlander, Laverne Cox, Kimiko Glenn, Sunita Mani)

Cena con delitto   **

(2019; Rian Johnson; giallo, commedia, thriller; Ana de Armas, Daniel Craig, Chris Evans, Jamie Lee Curtis, Michael Shannon, Don Johnson, Toni Collette, Lakeith Stanfield, Katherine Langford, Christopher Plummer)

Il tuo ex non muore mai  *


(2018; Susanna Fogel; commedia, azione; Mila Kunis, Kate McKinnon, Sam Heughan, Justin Theroux, Gillian Anderson, Hasan Minhaj, Ivanna Sakhno, Jane Curtin, Paul Reiser)  

Vicino all’orizzonte  **

(2019; Tim Trachte; sentimentale, drammatico; Jannik Schumann, Luna Wedler, Luise Befort, Victoria Mayer, Stephan Kampwirth, Denis Moschitto, Frederick Lau, Kristin Hunold)

Bridget Jones’s Baby  **

(2016; Sharon Maguire; commedia, sentimentale, drammatico; Rene Zellweger, Colin Firth, Patrick Dempsey, Emma Thompson, Sarah Solemani, Sally Phillips, James Callis, Jim Broadbent, Gemma Jones, Ed Sheeran)

La competizione  *

(2018; Harvey Lowry; sentimentale, commedia; Thora Birch, Chris Klein, Claire Coffee, David Blue)

Mary Shelley  ***

(2017; Haifaa al-Mansour; biografico, sentimentale, drammatico; Elle Fanning, Douglas Booth, Tom Sturridge, Bel Powley, Stephen Dillane, Ben Hardy, Maisie Williams)

Hello World  *

(2019; Tomohiko Ito; animazione, sentimentale, fantascienza)   

Inferno  **

(2016; Ron Howard; thriller, giallo; Tom Hanks, Felicity Jones, Irrfan Khan, Omar Sy, Ben Foster, Sidse Babett Knudsen, Ana Ularu)

Il principe cerca figlio  *

(2021; Craig Brewer; commedia; Eddie Murphy, Arsenio Hall, Jermaine Fowler, Leslie Jones, Tracy Morgan, Kiki Layne, Shari Headley, Wesley Snipes, James Earl Jones, John Amos, Teyana Taylor, Bella Murphy, Nonzamo Mbatha, Akiley Love)

Mia e il leone bianco   *

(2018; Gilles de Maistre; avventura, drammatico; Daniah De Villiers, Mlanie Laurent, Langley Kirkwood, Ryan Mac Lennan, Lionel Newton, Lillian Dube, Brendon Auret)

L’altra metà   *

(2020; Alice Wu; commedia, drammatico, sentimentale; Leah Lewis, Alexxis Lemire, Wolfgang Novogratz, Daniel Diemer, Collin Chou, Enrique Murciano, Becky Ann Baker)

A week away  *

(2021; Roman White; musical, sentimentale; Bailee Madison, Kevin Quinn, David Koechner, Sherri Sheperd)

Burraco Fatale  *

(2020; Giuliana Gamba; commedia; Claudia Gerini, Angela Finocchiaro, Caterina Guzzanti, Paola Minaccioni, Mohamed Zouaoui, Loretta Goggi, Michela Quattrociocche, Antonello Fassari, Pino Quartullo)

The Limehouse Golem  ***

(2016; Juan Carlos Medina; storico, thriller, horror; Bill Nighy, Olivia Cooke, Douglas Booth, Daniel Mays, Sam Reid, Maria Valverde, Eddie Marsan, Henry Goodman)

Rex – Un cucciolo a palazzo  *

(2019; Ben Stassen; animazione, avventura, commedia)

Il giardino segreto   **

(2020; Marc Munden; drammatico; Dixie Egerickx, Colin Firth, Julie Walters, Edan Hayhurst, Amir WIlson, Isis Davis, Jemma Powell, Maeve Dermody, Rupert Young)

Loving Vincent   ****

(2017; Dorota Kobiela e Hugh Welcham; animazione, drammatico, biografico; Douglas Booth, Robert Gulaczkyk, Eleanor Tomlinson, Jerome Flynn, Aidan Turner, Saoirse Ronan, Chris O’Dowd, Helen McCrory, John Sessions, Cezary Lukaszewicz)

Le donne della mia vita  **

(2016; Mike Mills; commedia, drammatico; Annette Bening, Elle Fanning, Greta Gerwig, Lucas Jade Zumann, Billy Crudup)

Just say yes   *

(2021; Apple Boudellah e Aram van de Rest; commedia, sentimentale; Yolanthe Cabau, Jim Bakkum, Noortje Herlaar, Edwin Jonker, Pip Pellens, Juvat Westendorp, Nienke Plas, Kim-Lian van der Meij)

Love & Monsters  ****

(2020; Michael Matthews; avventura, commedia, azione, fantascienza; Dylan O’Brien, Jessica Henwick, Dan Ewing, Ariana Greenblatt, Michael Rooker)

Chesil Beach  **

(2017; Dominic Cooke; sentimentale, drammatico; Saoirse Ronan, Bill Howle, Emily Watson, Samuel West, Anne-Marie Duff, Adrian Scarborough, Mark Donald)

Into the beat  *

(2020; Stefan Wasterwelle; drammatico, musicale, romantico; Alexandra Pfeifer, Yalany Marschner, Trystan Putter, Helen Schneider, Ina Geraldine, Katrin Pollitt)

The kid detective  ***

(2020; Evan Morgan; drammatico, giallo; Adam Brody, Sophie Nlisse, Tzi Ma, Wendy Crewson, Sarah Sutherland)

To all the boys I loved before: Always & Forever  *

(2021; Michael Fimognari; drammatico, sentimentale, commedia; Noah Centineo, Lana Condor, Janel Parish, Anna Cathcart, Ross Butler, John Corbett, Madeleine Arthur, Trezzo Mahoro)

Piccole Donne 2019   **

(2019; Greta Gerwig; sentimentale, drammatico, storico; Saoirse Ronan, Emma Watson, Florence Pugh, Eliza Scanlen, Laura Dern, Timothe Chalamet, Meryl Streep, James Norton, Bob Odenkirk, Louis Garrel, Chris Cooper, Jayne Houdyshell)

Shazam!   ***

(2019; David F. Sandberg; azione, commedia, fantascienza, fantastico; Zachary Levi, Asher Angel, Mark Strong, Djimon Hounsou, Jack Dylan Grazer, Grace Fulton, Ian Chen, Jovan Armand, Faithe Herman, Cooper Andrews, Marta Milans, John Glover, Adam Brody, Ross Butler, Meagan Good, Michelle Borth)

Carnaval  **

(2021; Leandro Neri; commedia, sentimentale; Giovana Cordeiro, Gessica Kayane, Flavia Pavanelli, Bruna Inocencio, Samya Pascotto, Jean Pedro, Felipe Adler, Nikolas Antunes, Rafael Medrado)

Una stagione da ricordare  ***

(2018; Sean McNamara; drammatico, sportivo, biografico; Erin Moriarty, Danika Yarosh, Helen Hunt, William Hurt, Jason Gray-Stanford, Burkely Duffield, Tiera Skovbye, Natalie Sharp, Lillian Doucet-Roche, Nesta Cooper, Jillian Fargey)

recensione a breve

Mamma mia! Ci risiamo   *

(2018; Ol Parker; commedia, musicale, sentimentale; Amanda Seyfried, Lily James, Christine Baranski, Jessica Keenan Wynn, Julie Walters, Alexa Davies, Pierce Brosnan, Jeremy Irvine, Colin Firth, Hugh Skinner, Stellan Skarsgard, Josh Dylan, Dominic Cooper, Andy Garcia, Cher, Meryl Streep)

Chiudi gli occhi   *

(2016; Marc Forster; drammatico, thriller; Blake Lilvely, Jason Clarke, Ahna O’Reilly, Wes Chatham, Danny Houston)

In Guerra per Amore   **

(2016; Pierfrancesco “Pif” Diliberto; commedia, sentimentale, drammatico, guerra; Pif, Miriam Leone, Andrea Di Stefano, Stella Egitto, Vincent Riotta, Maurizio Marchetti, Lorenzo Patan, Antonello Puglisi)

I still see you   **

(2018; Scott Speer; fantascienza, thriller; Bella Thorne, Dermot Mulroney, Richard Harmon, Louis Herthum, Shaun Benson, Amy Price-Francis)

Sembrava perfetto… e invece  *

(2021; Kimmy Gatewood; commedia, sentimentale; Iliza Shlesinger, Ryan Hansen, Margaret Cho, Rebecca Rittenhouse)

Ad Honk Gong  gi domani  **

(2015; Emily Ting; sentimentale; Bryan Greenberg, Jamie Chung)

Un padre  **

(2021; Paul Weltz; drammatico; Kevin Hart, Alfre Woodard, Lil Rel Howery, DeWanda Wise, Anthony Carrigan, Paul Reiser)

Maschile singolare  ***

(2021; Alessandro Guida e Matteo Pilati; commedia, drammatico; Giancarlo Commare, Gianmarco Saurino, Eduardo Valdamini, Michela Giraud, Carlo Calderone, Barbara Chichiarelli, Lorenzo Adorni)   

Ci vuole un gran fisico  *

(2013; Sophie Chiarello; commedia; Angela Finocchiaro, Giovanni Storti, Raul Cremona, Elio, Jurij Ferrini, Antonella Lo Coco, Laura Marinoni, Rosalina Neri)

Quattro padri single  *

(2009; Paolo Monico; commedia; Alessandro Gassman, Joe Urla, Francesco Quinn, Lenny Venito)

In the Heights   **

(2021; Jon M. Chu; musicale, drammatico, sentimentale; Anthony Ramos, Corey Hawkins, Leslie Grace, Melissa Barrera, Olga Merediz, Daphne Rubin-Vega, Gregory Diaz IV, Stephanie Beatriz, Dascha Polanco, Jimmy Smits, Noah Catala, Lin-Manuel Miranda)

Blackout Love  *

(2021; Francesca Marino; commedia, sentimentale; Anna Foglietta, Alessandro Tedeschi, Barbara Chichiarelli, Alessio Pratic, Anna Bonaiuto)

R.I.P.D.   *

(2013; Robert Schwentke; azione, commedia, fantastico; Ryan Reynolds, Jeff Bridges, Kevin Bacon, Mary-Louise Parker, Stephanie Szostak)

Il nome del figlio  *

(2015; Francesca Archibugi; commedia; Alessandro Gassmann, Valeria Golino, Luigi Lo Cascio, Rocco Papaleo, Micaela Ramazzotti, Manuela Mandracchia, Giulia Salerno)

Una doppia verità   ***

(2016; Courtney Hunt; drammatico, thriller; Keanu Reeves, Rene Zellweger, Gabriel Basso, Gugu Mbatha-Raw, Jim Belushi)

Magnifica Presenza   **

(2015; Ferzan Ozpetek; commedia, drammatico, fantastico; Elia Germano, Beppe Fiorello, Vittoria Puccini, Margherita Buy, Paola Minaccioni, Anna Proclemer, Cem Yilmaz, Andrea Bosca, Alessandro Roja, Mauro Coruzzi, Loredana Cannata)

Terapia di coppia per amanti  *

(2017; Alessio Maria Federici; commedia; Pietro Sermonti, Ambra Angiolini, Sergio Rubini, Anita Kravos)

My Old Lady   ***

(2014; Israel Horovitz; commedia, drammatico; Maggie Smith, Kevin Kline, Kristin Scott Thomas)

Ted Bundy – Fascino Criminale   **

(2019; Joe Berlinger; thriller, biografico, giallo; Zac Efron, Lily Collins, Kaya Scodelario, John Malkovich, Jeffrey Donovan, Angela Sarafyan)

Due Partite  *

(2009; Enzo Monteleone; drammatico, commedia; Margherita Buy, Isabella Ferrari, Marina Massironi, Paola Cortellesi, Carolina Crescentini, Valeria Milillo, Claudia Pandolfi, Alba Rohrwacher)

Bravetown  **

(2015; Daniel Duran; drammatico, musicale; Lucas Till, Kherington Payne, Josh Duhamel, Laura Dern, Maria Bello, Tom Everett Scott, Jae Head, Sharlene Taul, Paul Essiembre)

The dressmaker   **

(2015; Jocelyn Moorhouse; thriller, drammatico; Kate Winslet, Judy Davis, Liam Hemsworth, Hugo Weaving, Sarah Snook, Caroline Goodall, James Mackay)  

Famiglia allargata  *

(2018; Emmanuel Gillibert; commedia, sentimentale; Arnaud Ducret, Louise Bourgoin, Tumo Bolland, Saskia de Melo Dillais, Laurent Ferraro, Michael Cohen)

Ogni tuo respiro   *****

(2017; Andy Serkis; biografico, drammatico, sentimentale; Andrew Garfield, Claire Foy, Tom Hollander, Hugh Bonneville, Ed Speleers, Dean-Charles Chapman, Stephen Mangan, Jonathan Hyde, Ben Lloyd-Hughes)  

recensione a breve

Ballo, ballo   **

(2020; Nacho Alvarez; commedia, sentimentale, musicale; Ingrid Garcia-Jonsson, Veronica Echegui, Fernando Guallar, Fran Morcillo, Fernando Tejero, Carlos Hipolito, Natalia Millan, Giuseppe Maggio, Pedro Casablanc, Raffaella Carr)  

Juliet, Naked  *

(2018; Jesse Peretz; commedia, sentimentale; Rose Byrne, Ethan Hawke, Chris O’Dowd)

Famiglia all’improvviso  ****

(2016; Hugo Glin; commedia, drammatico; Omar Sy, Gloria Colston, Clmence Posy, Antoine Bertrand)

recensione a breve

Resort to Love  *

(2021; Steven Tsuchida; commedia, sentimentale; Christina Milian, Sinqua Walls, Jay Pharoah, Christiani Pitts, Alexander Hodge, T.J. Power, Karen Obilom, Tymberlee Hill, Sylvaine Strike)

Io c’è  **

(2018; Alessandro Aronadio; commedia; Edoardo Leo, Margherita Buy, Giuseppe Battiston, Giulia Michelini)

Pets 2 **

(2019; Chris Renaud; animazione, avventura, commedia)

La signora dello zoo di Varsavia  *****

(2017; Niki Caro; drammatico, biorgrafico, storico; Jessica Chastain, Daniel Bruhl, Johan Heldenbergh, Val Maloku, Michael McElhatton, Shira Haas, Iddo Goldberg)

recensione a breve

Bolshoj  **

(2017; Valerij Todorovskij; drammatico; Margarita Simonova, Anna Isaeva, Alisa Brunovna Frejndlich, Valentina Telichkina, Ekaterina Samuilina, Aleksandr Domogarov)

Eravamo canzoni *

(2021; Juana Macas; commedia, sentimentale; Mara Valverde, Alex Gonzalez, Elisabet Casanovas, Susana Abaitua, Miri Perez-Cabrero, Eva Ugarte)  

Creed II  *

(2018; Steven Caple Jr.; drammatico, sportivo; Michael B. Jordan, Sylvester Stallone, Tessa Thompson, Dolph Lundgren, Florian Munteanu, Phylicia Rashad, Brigitte Nielsen, Milo Ventimiglia)

He’s all that  *

(2021; Mark Waters; commedia; Addison Rae, Tanner Bruchanan, Madison Pettis, Peyton Meyer, Matthew Lillard, Rachel Leigh Cook, Kourtney Kardashian, Isabella Crovetti, Myra Molloy, Annie Jacob)

Love, Simon  ***

(2018; Greg Berlanti, commedia, sentimentale, drammatico; Nick Robinson, Josh Duhamel, Jennifer Garner, Katherine Langford, Alexandra Shipp, Jorge Lendeborg Jr., Keiynan Lonsdale, Miles Heizer, Logan Miller, Talitha Bateman, Natasha Rothwell)

Appena un minuto  *

(2019; Francesco Mandelli; commedia; Max Giusti, Loretta Goggi, Paolo Calabresi, Massimo Wertmuller, Herbert Ballerina, Dino Abbrescia, Andrea Delogu, Ema Stokholma, Mirko Frezza, Ninni Bruschetta, Susy Laude, Carolina Signore, J-Ax, Marco Tardelli)

A un metro da te  **

(2019; Justin Baldoni; drammatico, sentimentale; Haley Lu Richardson, Cole Sprouse, Moiss Arias, Kimberly Hebert Gregory, Parminder Nagra, Claire Forlani, Emily Baldoni, Sophia Bernard)

Peppermint  ***

(2018; Pierre Morel; azione, drammatico, thriller; Jennifer Garner, John Gallagher Jr., John Ortiz, Juan Pablo Raba, Annie Ilonzeh, Jeff Hephner, Cailey Fleming)

Yes Day  *

(2021; Miguel Arteda; commedia; Jennifer Garner, Edgar Ramirez, Jenna Ortega, Julian Lerner, Everly Carganilla, Nat Faxon)

Tutta un’altra vita  *

(2019; Alessandro Pondi; commedia; Enrico Brignano, Ilaria Spada, Paola Minaccioni, Maurizio  Lombardi, Paolo Sassanelli)

Love Jacked  *

(2018; Alfons Adetuyi; commedia, sentimentale; Amber Stevens West, Shamier Anderson, Keith David, Lyriq Bent)

Anni da Cani   *

(2021; Fabio Mollo; drammatico; Aurora Giovinazzo, Isabella Mottinelli, Federico Cesari, Luca Vannuccini, Sabrina Impacciatore, Achille Lauro)

Macchine Mortali   **

(2018; Christian Rivers; azione, fantascienza, fantastico, avventura; Hera Hilmar, Robert Sheehan, Hugo Weaving, Jihae, Leila George, Stephen Lang)

40 sono i nuovi 20  *

(2017; Hallie Meyers-Shyer; commedia, drammatico, sentimentale; Reese Whitherspoon, Michael Sheen, Lake Bell, Nat Wolff, Candice Bergen, Pico Alexander, Lola Flanery, Jon Rudnitsky, Josh Stamberg)

Fallen  *

(2016; Scott Hicks; fantasy, drammatico, sentimentale, avventura; Addison Timlin, Jeremy Irvine, Harrison Gilbertson, Daisy Head, Lola Kirke, Sianoa Smit-McPhee, Hermione Corfield, Malachi Kirby, Joely Richardson)

The Suicide Squad   *

(2021; James Gunn; azione, fantascienza, commedia; Margot Robbie, Idris Elba, John Cena, Joel Kinnaman, Viola Davis, Daniela Melchior, David Dastmalchian, Peter Capaldi, Sylvester Stallone)

Cattivi Vicini  *

(2014; Nicholas Stoller; commedia; Seth Rogen, Zac Efron, Rose Byrne, Christopher Mintz-Plasse, Dave Franco, Lisa Kudrow)  

Love Hard  **

(2021; Hernan Jimnez; commedia, sentimentale; Nina Dobrev, Jimmy O. Yang, Darren Barnet, Harry Shum Jr., Althea Kaye, James Saito, Rebecca Staab)

Long short story ***

(2021; Josh Lawson; commedia, sentimentale; Rafa Spell, Zara Newman, Ronny Chieng, Dena Kaplan)

Men in black: International **

(2019; Gary Gray; azione, commedia, fantascienza, avventura; Chris Hemsworth, Tessa Thompson, Liam Neeson, Rafe Spall, Emma Thompson, Rebecca Ferguson, Les Twins, Kumail Nanjiani)

Last Christmas *

(2019; Paul Feig; commedia, sentimentale; Emilia Clarke, Henry Golding, Michelle Yeoh, Emma Thompson, Lydia Leonard, Boris Isakovic, Rebecca Root, Patti LuPone)

Natale di nuovo **

(2021; Andy Fickman; commedia; Scarlett Estevez, Alexis Carra, Daniel Sunjata, Priscilla Lopez, Beth Lacke)

Pattini d’argento ***

(2020; Michail Loksin; drammatico, sentimentale, avventura; Fedor Fedotov, Sof’ja Priss, Aleksej Gus’kov, Severija Janusauskaite, Kirill Zajcev, Jurij Borisov)

In a relationship *

(2018; Sam Boyd; commedia, drammatico, sentimentale; Emma Roberts, Michael Angarano, Dree Hemingway, Patrick Gibson)

Mchan

In a relationship

Anno: 2018

Paese: Usa

Genere: commedia, sentimentale, drammatico

Regia: Sam Boyd

Cast: Emma Roberts, Michael Angarano, Dree Hemingway, Patrick Gibson

Ed il penultimo giorno dell’anno ho visto un altro film orrendo. In teoria doveva parlare di una relazione d’amore, come da titolo, ed invece solo i coprotagonisti sono una coppia perché i personaggi principali si lasciano praticamente a nemmeno metà film.

A parte questa grossissimgrossissima incongruenza tra titolo originale e trama effettiva del film, é davvero brutto, ma brutto brutto. Dialoghi quasi inesistenti, scene che ricordavano un video musicale per quanto fossero sconclusionate e saltassero da un argomento all’altro. Con l’aggravante che anche la colonna sonora sia pressoché inesistente. Nessuna canzone, solo musica dimenticabilissima. Sembrava quasi la parodia di quei film polacchi del duo di Zelig di cui non ricordo il nome.

Anche il finale abbastanza inconcludente.

Mchan

Locke & Key

Anno: 2020 in corso

Paese: Usa

Episodi:  20, 2 stagioni, in corso

Genere: fantasy, comic, drammatico

Ideatore: Joe Hill

Soggetto: omonima graphic novel by Joe Hill & Gabriel Rodriguez

Cast: Darby Stanchfield, Connor Jessup, Emilia Jones, Jackson Robert Scott, Petrice Jones, Laysla De Oliveira, Griffin Gluck, Hallea Jones, Aaron Ashmore, Genevieve Kang, Sam Lesser, Felix Mallard, Cody Bird

Trama: i Locke (madre e tre figli) hanno appena perso il capofamiglia così si trasferiscono nella vecchia casa in un paesino sperduto del midwest statunitense. Qui dovranno fare i conti con i problemi quotidiani di tutti i nuovi arrivati ed un segreto di famiglia. Segreto che diventerà sempre più pericoloso in quanto consiste in delle chiavi magiche.

Come storia è intrigante. Protagonisti sono due adolescenti ed un bambino di nemmeno 10 anni, per cui è anche abbastanza piena di teen drama, ma ci può stare.

Effetti speciali, sigla, location e fotografia molto belli.

I problemi arrivano con delle soluzioni di trama alquanto discutibili. Tipo il bambino che anche se avvisato dai più grandi continua ad utilizzare queste chiavi magiche da solo, soprattutto se appena trovate. Oppure la ragazza che usa una chiave per bullizzare una compagna di scuola rea di farle delle battutine un po’ acide e poi quando veramente le servirebbe quel potere si dimentica di avere quella chiave. Queste chiavi che passano di mano neanche fossero delle banconote da $1, tra l’altro erano stati anche avvisati che solamente ai Locke non potevano essere state sottratte. La maggior parte delle volte ti ritrovi ad urlare contro ai protagonisti che stanno facendo delle stupidate e quindi a tifare per il villain che ha la vittoria facile.

La stupidagginepiù grande l’hanno fatta con il finale della prima stagione, quando pensano di aver sconfitto il nemico. E’ stato un totale nosense. Il villain doveva avere in testa una corona che però una volta sbattuto a terra è magicamente scomparsa e nessuno si è chiesto dove fosse finita (e nemmeno più tardi). Aprono un portale da dove possono arrivare dei demoni e se ne stanno tutti lì a guardare davanti alla porta aperta mentre un paio di demoni si schiantano contro le rocce alle loro spalle. Ed infatti poi uno riesce ad impossessarsi di uno di loro.

Ho continuato la visione della seconda stagione principalmente per il soggetto della trama che è davvero interessante e di comprare la graphic novel non ho voglia (anche perché oltre a costare parecchio non mi piace nemmeno come stile grafico). Ma anche qui ci sono abbastanza nosense. Tipo che il bimbo trova la chiave per la casa delle bambole identica alla loro casa che infatti poi si svela una specie di porta dimensionale dato che qualsiasi cosa uno metta nella casa delle bambole poi se lo ritrova nella casa vera e propria, e nonostante questo invece di prendere la casetta la lasciano ad un perfetto estraneo e lasciano lì pure la chiave. Ok lasciare l’oggetto, ma la chiave portatela via, no? Boh…

Altra cosa stranissima è il fatto che il bimbo rimane spessissimo a casa da solo. Una casa che si trova in mezzo al nulla.

A proposito del bimbo: ogni tanto ha degli sprazzi di intelligenza che sovrastano le menti di tutti gli adulti messe insieme, ma quanto è fastidiosa la sua vocetta???

Nel finale della seconda stagione abbiamo finalmente un piano che funziona, anche se prima di arrivarci ne hanno commessi di errori.

Comunque alla madre i figli riservano lo stesso trattamento che lei ha per loro: viene minacciata e loro la lasciano da sola, completamente ignara del pericolo.

La morte della fidanzata di Tyler è passata senza infamia e senza lode. Sinceramente mi stava irritando parecchio con la sua convinzione a non voler ricordare la magia. Quel poveretto del ragazzo ha cercato tutti i modi possibili un modo per fargliela ricordare e renderla partecipe degli eventi e lei invece era pure infastidita da tanta insistenza. Non mancherà.

Constatazione della confusione degli autori parte uno: ci hanno messo tutta la prima stagione per trovare una chiave per aprire il portale con il mondo dei demoni quando nella seconda stagione è bastato una specie di piccolo terremoto per allentare i cardini e quindi aprirla.

Constatazione della confusione degli autori parte due: il villain passa metà della seconda stagione a cercare di forgiare una nuova chiave con la quale crearsi un proprio esercito di semidemoni quando aveva la chiave e la corona del controllo delle ombre con le quali dominare sugli umani.

Constatazione della confusione degli autori parte tre: nella prima stagione quando il bimbo apprende del “potere” della chiave Ognidove esclama che vorrebbe andare sulla Tour Eiffel ed il villain gli dice che non può perché lì non ci sono porte (cosa che in realtà non è manco vera, vabbhè…) e nella seconda il suo compare apre una porta che dà sul deserto.

Ora, capisco che sia un fantasy, ma certe incongruenze non si possono vedere.

La cosa più bella sono le chiavi che sono visivamente ben fatte.

La mia preferita è la chiave Ognidove. Magari esistesse, così si potrebbe andare dove ci pare con solamente il bisogno di una porta.  

Mchan

Natale con uno sconosciuto

Anno: 2019-2020

Paese: Norvegia

Episodi:  12, 2 stagioni, conclusa

Genere: drammatico, commedia

Cast: Ida Elise Boch, Felix Sandman

Trama: Johanne è una trentenne che a Natale viene relegata al tavolo dei bimbi poiché single. Ma questo Natale vorrebbe cambiare la situazione.

L’incipit è abbastanza banalotto, anche se poi il finale della prima stagione ha un bel messaggio, ossia che l’importante è festeggiare con le persone care, che esse siano parenti, amici, conoscenti che ti hanno cambiato la vita e/o insegnato qualcosa, non necessariamente partner amorosi.

La prima stagione è carina ed appunto grazie al finale si lascia vedere senza problemi. Anche perché gli episodi durano una trentina di minuti che scorrono veloci.

La seconda stagione secondo me è stata fatta ad uso e consumo dei telespettatori. Va bene che il finale della prima era aperto, ma ci sono state molte scelte stupide e riempitive. Il finale della seconda, e per fortuna ultima, ribalta completamente il messaggio della prima.

Tutta la trama dei genitori è stata noiosa e ripetitiva.

Lei da ragazza emancipata, con un buon lavoro, molti amici ed una vita piena si è trasformata in una tipa insicura a tratti capricciosa ed infantile. Hanno rovinato il personaggio del Dottore solo per farli lasciare e far in modo che la colpa non ricadesse su di lei. Su alcune cose era pesante, ma su altre aveva ragione da vendere. Ma chi lascia che sia l’ex fidanzato della sua attuale ragazza a comprare i regali di Natale per i suoceri e soprattutto farli passare per loro?

Mi è piaciuta l’introduzione del vicino di casa anche se in finale non c’entrava nulla con lei. E’ stato solo un pretesto per farle fare delle cose e farle conoscere una persona che potevano benissimo evitare dato che lo ha trattato da schifo.

Il ritorno di Jonas non è stato male anche se si sono completamente dimenticati il perché della sua partenza dato che lo hanno cambiato e lo hanno fatto tornare prima. Va bene che l’attore che lo interpreta ha un buon seguito ed alla fine il suo personaggio era il meno peggio (per questo il finale non mi è dispiaciuto) però nella serie precedente avevo capito che Jonas doveva andarsene per ben 2 anni a Bali con la famiglia, dato che si sono sempre trasferiti spesso, e che per questo la mollava, invece ora se ne escono che è tornato in estate e che era a Bali con un amico. Mah…

Il problema dell’età tra i due (12 anni di differenza, in più per lei) in finale non è così tragico dato che lei sembra una ragazzina. Ha insistito tanto per fare la festa di Natale a casa sua, anche quando si era offerto il fratello di ospitare tutti e tra l’altro sarebbe stato più ragionevole non far spostare due bambini piccoli in piena notte, ma no, dovevano andare tutti da lei che non aveva mai cucinato in vita sua. Infatti ha bruciato la cena. Per non parlare della scena al supermercato quando voleva pagare una sola mandorla. Ma metterne una decina in un sacchetto e pesarle no? Va bene che te ne serviva una soltanto, ma se le metteva in una ciotola sono sicura che qualcuno le avrebbe mangiate invece di fare quella scena da pazza alla cassa.

Il problema è stato far combaciare il finale della prima stagione con la trama della seconda. Perché nell’ultima scena lei apriva la porta e sorrideva come se avesse visto qualcuno che le piaceva, invece poi si scopre che era solamente un fattorino con un mazzo di rose senza mittente. Ed il destinatario di quelle rose non si è scoperto fino al penultimo episodio della seconda stagione ed è stato molto forzato dato che non poteva assolutamente sapere l’indirizzo di casa dei genitori di lei quando non conosceva nemmeno quello di casa sua.

Comunque il ritorno del tizio con il lieto fine mi è sembrato molto fanservice.

Se si fossero fermati alla prima sarebbe stata una serie leggera e carina nonostante le trovate forzatamente comiche come la videochiamata dell’amica alla cena di Natale nell’ultimo episodio della seconda nella quale elogiava la vita sessuale della protagonista di fronte a parenti ed amici, compresi dei bimbi. Ed invece di attaccarle il telefono in faccia lei stava pure ad ascoltarla. Comportamento forzato per la gag imbarazzante. O come la scena nella sauna per nudisti dove si era recata con un papabile partner e ci ha trovato i genitori. Dire imbarazzante è un eufemismo.

Mchan

Ps: il titolo non si può sentire né quello inglese (che è la traduzione letterale di quello originale) né quello in italiano. Nessuno dei due c’entra con la trama della serie.

Burden of truth

Anno: 2018-2021

Paese: Canada

Episodi: 34, 4 stagioni, finito

Genere: drammatico, procedural

Cast: Kristen Kreuk, Peter Mooney, Star Slade, Nicola Correia-Damude, Meegwun Fairbrother, Anwen O’Driscoll, Sarah Thompson, David Lawrence Brown

Trama 1a stagione: Joanna è un brillante avvocato di città che torna al suo paese natale, Millwood, per una causa che hanno intentato contro un suo cliente. Il caso è semplice, infatti vince subito, ma poi le cose si complicano e si ritrova a voler parteggiare per la parte avversa.

Trama 2a stagione: Joanna lavora presso un nuovo studio legale nella città di Winnipeg, ma l’arresto della sua sorellastra per l’omicidio del padre la riporta a Millwood.

Trama 3a stagione: Joanna ha un proprio studio legale a Winnipeg, ma in una riunione di ex alunni incontra una sua vecchia amica che ha bisogno del suo aiuto così torna di nuovo a Millwood.

Trama 4a stagione: Joanna & Billy sono a Millwood per una causa contro la riapertura di una vecchia miniera di oro.

La prima stagione è stato abbastanza interessante e coinvolgente. Bel caso, bei personaggi secondari, bel conflitto interiore della protagonista. Unica pecca è che invece che nel 2020 sembrava di stare nel 1980, con ancora delle ragazzine discriminate e bullizzate solo perché malate. In una piccola comunità avrei gradito ed asupicato più empatia.

Anche la seconda non è stata male, a parte la prima metà che è stata lenta e sembrava non portare a nulla se non poi coinfluire con la trama più interessante del caso di omicidio.

La terza è stata lenta dall’inizio alla fine, con delle scelte di trama troppo ripetitive o stupide. Tipo l’amica che continuava ad andarle contro perché il tutto non si risolveva in due minuti come voleva lei, ma nel frattempo continuava a nasconderle dei fatti inerenti alla causa, davvero irritante. Lei la stava aiutando gratuitamente ed invece di ringraziarla la rimproverava di continuo. Oppure tutta la sottotrama del penultimo episodio che non ha aggiunto nulla a quella principale. Per non parlare della visita dei servizi sociali a casa di Joanna quando era incinta di nemmeno 8 settimane mi pare, per cui in teoria poteva pure non volerlo tenere e lei da avvocato li fa pure entrare pur sapendo che era un’intimidazione della controparte e che avrebbero aperto un fascicolo a proposito. E riguardo a ciò io sono rimasta scioccata dal fatto che i servizi sociali in Canada arrivino da chiunque solamente grazie ad una telefonata. Allora se ad uno sta sulle scatole un vicino può mandargli i servizi sociali un giorno sì e l’altro pure che tanto qualcosa di storto lo trovano di sicuro perché nessuno è perfetto. Soprattutto se il bambino nemmeno è nato. E tutto quel dare credito alla parola dell’ex capo della polizia che è stato indagato e condannato per omicidio, anche se ha scontato pochissimo, è stata una pessima scelta di scrittura.

La quarta è partita malissimo dal primo episodio per la scelta di un’ennesima scusa per poter far stare i protagonisti a Millwoood invece che nella città di Winnipeg dove hanno lo studio legale. A questo punto potevano farli trasferire e basta. Non è molto credibile che ogni anno, perché è questo il periodo di tempo che fanno trascorrere tra una stagione e l’altra, accetino un caso in quel posto così lontano da dove hanno lo studio. L’unica cosa positiva è come la trama giuridica della protagonista vada a fondersi con quella poliziesca dei personaggi secondari. Anche se è avvenuto nel corso degli ultimi episodi e si è risolto troppo in fretta.

Una cosa che non mi è piaciuta in generale è l’assenza di chimica tra i due protagonisti. Non so se perché lei debba essere sempre così fredda o perché i due non si sopportassero, però ho trovato Peter Mooney adorabile (forse anche perché ho un debole per i tipi così, i ragazzi della porta accanto con una bellezza nella norma, ma quel non so che che ti affascina) e lei davvero molto forzata nelle scene insieme. Pochissime effusioni e tutte molto tiepide, dialoghi al di fuori del lavoro quasi assenti dalla seconda stagione in poi. Mah…

Altra cosa è l’astio che hanno tutti gli abitanti di Millwood per la protagonista solo perché è la figlia di un uomo che ha rovinato la vita a molti di loro, ma lei che colpa ne ha che quando è successo era poco più di una bambina? Si prende addirittura un pugno in faccia per questo. Ma scherziamo? Tra l’altro nessuno ha il fegato di dirle cosa ha fatto realmente il padre di così terribile da essere odiato da praticamente tutti. E poi continuano ad odiarla anche per aver fatto chiudere l’acciaieria. Ok, molti hanno perso il lavoro, ma quelli stavano inquinando i terreni del circondario con dei rifiuti tossici, delle ragazzine si sono ammalate in modo irrimediabile e la gente difende comunque la fabbrica. Mah…

Il mio personaggio preferito è sicuramente il poliziotto, poi capo della polizia, Owen Beckbie, sempre in bilico tra dovere ed appartenenza alle sue origini, ma riesce a trovare un equilibrio rimanendo se stesso e mi piace molto.

Il finale con con un lieto fine per tutti va bene dato che non è stata rinnovata. In questo modo si dà una conclusione felice per tutti.

Mchan

Gubbio

E’ una cittadina dell’alta Umbria, al confine con le Marche, di origine medievale.

Il centro storico è formato dal borgo ed è conosciuta per avere l’albero di Natale più grande del mondo e per essere stata set delle prime stagioni di Don Matteo. Infatti in giro ci sono vari piccoli allestimenti che lo ricordano.

Io ci sono stata per l’accensione dell’albero che si svolge il 7 dicembre, ma prima di vederla ho fatto un giro turistico del borgo.

Arrivando si incontrano i resti di un teatro di epoca romana, che assomigliano moltissimo ad un mini Colosseo.

Sono entrata dalla porta di via degli Ortacci che si trova vicinissima alla chiesa di San Francesco, dedicata al santo che proprio qui a Gubbio ha passato alcuni anni in gioventù.

La chiesa non ha nulla di particolare, è molto spoglia, perché risale al 1200 circa, ma nell’era barocca è stata “restaurata” aggiungendo decorazioni dell’epoca e poi di recente di nuovo portata allo stato originale per cui praticamente tutti gli affreschi medievali sono andati perduti. Vicino ad essa vi è la statua che rappresenta l’incontro di San Francesco con il Lupo, uno degli episodi più famosi del santo.

Il racconto narra che c’era un lupo che intimidiva gli abitanti del borgo, mangiando le loro bestie ed aggredendoli. Poi arrivò San Francesco che gli parlò e lo convinse a non essere più così aggressivo in cambio gli abitanti del paese non lo avrebbero perseguitato.

Subito affianco alla chiesa vi è la Piazza dei Quaranta Martiri dove nel periodo delle feste viene allestito il mercatino natalizio.

Questa piazza non ha una bella storia purtroppo. Infatti qui vennero fucilati 40 eughebini, abitanti di Gubbio, in rappresaglia alla perdita di un soldato tedesco coinvolto in una rissa nella Seconda Guerra Mondiale.

Da qui ho proseguito per il quartiere di San Giuliano fino a salire nella piazza principale chiamata semplicemente Piazza Grande. Qui sorgono due edifici molto importanti: il palazzo dei Consoli, oggi diventato un museo civico, ed il palazzo Pretorio, che oggi è la sede del Comune. In questo periodo viene allestito al centro un bellissimo albero natalizio.

Salendo ancora più su si trovano la Cattedrale dei Santi Mariano e Giacomo, che è molto suggestiva con la nuova illuminazione, con davanti il palazzo Ducale, oggi museo.

Dai giardini di quest’ultimo si può godere di una bellissima vista del borgo sottostante e di tutta la vallata. Purtroppo sono arrivata lì quando il sole era già calato per cui le foto non sono venute granché, ma è davvero spettacolare anche di notte.

Da qui si potrebbe poi risalire fino in cima al monte Ingino dove si trova la Basilica di Sant’Ubaldo, il patrono della città. Ed anche la Cometa, la punta dell’albero più grande del mondo.

Sono ridiscesa dall’altro lato della cittadina. C’erano varie indicazioni circa l’ubicazione di un Presepe sull’acqua di un fiumiciattolo che attraversa il borgo (anche se al momento è davvero molto più simile ad un rubinetto che perde) però non sono riuscita a trovarlo.

Una volta tornata in piazza dei Quaranta Martiri ho aspettato l’accensione che è avvenuta alle h19.

Dicono che gli altri giorni lo accendano prima, appena tramonta il sole, lo spero perché non appena il sole va via fa davvero molto freddo, soprattutto se non ti muovi.

Mchan

Ps: c’è un altro periodo in cui poter visitare il borgo, si tratta del 15 maggio quando avviene la corsa dei Ceri. Una tradizione molto sentita e curiosa.

Versailles

Anno: 2015-2018

Paese: Francia, Canada

Episodi:  10 a stagione, 3 stagioni, conclusa

Genere: drammatico, in costume, storico

Cast: George Blagden, Alexander Vlahos, Tygh Runyan, Stuart Bowman, Amira Casar, Evan Williams, Nomie Schmidt, Anna Brewster, Sarah Winter, Elisa Lasowski, Pip Torrens, Suzanne Clment, Maddison Jaizani, Jessica Clark

Trama: la vita del Re Sole, Luigi XIV, dal momento in cui ha deciso di costruire la reggia di Versailles fino alla vittoria sui protestanti.

Bello, bello, bello.

Ora non so quanto accuratamente sia stata rispettata la storia, da quello che mi ricordo hanno incluso più o meno tutto, ma tra le location, i costumi, la scenografia, la fotografia e le parrucche, era tutto davvero bellissimo. Soprattutto un plauso per le parrucche che di solito sono orrende mentre qui erano davvero stupende. Specialmente quelle principali. Ogni volta che apparivano Luigi e/o Filippo ero lì affascinata dai loro capelli. Molto più belli e ben curati di quelli delle donne.

Certo, che come location se hai la reggia di Versailles non puoi proprio sbagliare, ma anche le camere interne, sicuramente ricostruite, erano davvero ben fatte.

Alcuni episodi scorrono più veloci e fluidi di altri, ma c’è sempre la curiosità di sapere cosa accadrà, anche se la storia, a grandi linee, è abbastanza conosciuta.

Unico appunto i numerosi nudi integrali femminili. Oddio, nelle serie in costume ce ne sono sempre parecchi, però alcuni erano davvero fuori luogo. Soprattutto se paragonati a quelli maschili. Integrali di fronte inesistenti, sempre coperti da qualcosa, mentre per le donne non valeva lo stesso principio. A me non piacciono nè gli uni nè gli altri se non sono indispensabili, però gradirei un pari trattamento. E vabbhè…

Personaggio preferito: la principessa Elisabetta Carlotta del Palatinato. Davvero molto simpatica ed in qualche modo “moderna”.

Personaggi detestati: a parimerito lo Chevalier de Lorraine e Madame de Montespan. Praticamente identici nel loro essere degli amanti narcisisti, egoisti, arrivisti e presuntuosi. Entrambi sfruttano il loro ascendente per avere quello che vogliono e prevalere su tutto e tutti. Come trattano le altre persone è irritante ai massimi livelli.

Plauso anche alla musica della sigla.

Mchan

40 sono i nuovi 20

Anno: 2017

Paese: Usa

Genere: commedia, drammatico, sentimentale

Regia: Hallie Meyers-Shyer

Cast: Reese Witherspoon, Michael Sheen, Lake Bell, Nat Wolff, Candice Bergen, Pico Alexander, Lola Flanery, Jon Rudnitsky, Josh Stamberg

Trama: Alice è una neo quarantenne appena trasferita a Los Angeles da New York con due bimbe. Alla festa del suo compleanno incontra tre affascinanti cineasti…

Ho trovato un film più brutto di Eravamo Canzoni.

Questo ha l’aggravante di avere una protagonista che come attrice è considerata valida (a me non piace, ma i giudizi su di lei sono sempre abbastanza lusinghieri).

A parte il titolo italiano che non ci azzecca nulla con quello originale (Home Again) né tantomeno con la trama, è proprio la sceneggiatura ad essere sconclusionata.

C’è un intro con tutta la storia del padre della protagonista, un regista famoso negli anni ’70 appena morto, che non serve a praticamente nulla.

Ma poi proprio l’idea di base è stramba. Ma secondo voi è mai possibile che una quarantenne madre di due bambine si mette in casa tre, non uno ma TRE, quasi trentenni completamente sconosciuti solo perché la sera prima ha fatto baldoria con loro in un locale e sono finiti tutti a casa sua ed al mattino esce fuori che questi non sanno dove andare perché sono poveri in canna, ma con il sogno di lavorare nel mondo del cinema. Certo, tutto molto normale. E poi quando il marito (che non ho ben capito se siano separati o meno), che è rimasto a New York per lavoro, lo scopre e giustamente si altera, passa per cretino. E quei tre, che alloggiano da lei a zero spese (scrocco, dalle mie parti), quando arriva per stare con le figlie lo trattano come se fosse un mostro. Fanno i gelosi ed indispettiti dalla sua presenza. Ed uno addirittura gli dà un pugno. A questo punto, fortunatamente, lei li manda via, ma li perdona in un battito di ciglio ed è come se non fosse successo nulla in finale.

Io sono rimasta a bocca aperta dalla stupid8it della questione.

Ma poi, ripeto, non aveva nè capo nè coda proprio la trama. Non ha detto nulla, non c’è stata una crescita di nessun personaggio, forse solo un po’ la figlia più grande che ha risolto (più o meno) i suoi problemi di ansia, nessuna battuta memorabile, niente di niente.

Mchan