Macgyver 2.0

macgyverposter

Anno: 2016 in corso

Episodi: 66, 3 stagioni in corso

Paese: Usa

Genere: drammatico su wikipedia, per me è azione/commedia

Ideatori: Lee David Zlotoff e Peter M. Lenkov

Cast: Lucas Till, George Eads, Sandrine Holt, Tristin Mays, Justin Hires, Meredith Eaton, Isabel Lucas

MacGyver l’originale l’ho visto da piccola, non ricordo molto dei singoli episodi, ricordo solo che mi affascinava come riusciva a creare degli oggetti ingegnosi da delle cose semplici che si potevano trovare nelle case di tutti.

Ho iniziato a seguire la nuova versione sinceramente pensando che non fosse un reboot con una versione più giovane del protagonista, ma una specie di prequel.

Naturalmente mi sono dovuta ricredere immediatamente, ma non ne sono rimasta delusa come la maggior parte dei telespettatori. Sì, perché in giro non c’è una recensione positiva che sia una. Ma ci sono abituata a vedere serie tv, e ritenerle valide, che la maggior parte del pubblico snobba, e siccome sono abbastanza testarda e non mi interessa essere considerata controcorrente continuo a guardare ciò che più mi aggrada anche se non lo vede nessun altro.

La trama è semplicissima: ogni episodio inizia con Mac e Jack che sono in missione da qualche parte nel mondo, la maggioranza di queste scene è solo da introduzione o da siparietto comico perché il vero caso della puntata inizia quando tornano alla base.

I casi sono al limite dell’assurdo ed i due se la cavano sempre per il rotto della cuffia e sempre grazie alle invenzioni create dal nulla di Mac, ma nel frattempo si ride per le continue battute tra i due che si amano e si odiano, e si scommette entro quanto tempo Mac distruggerà l’ennesimo cellulare di Jake, per la sua somma gioia.

I comprimari funzionano, il capo Matty anche, un po’ meno la trama orizzontale. Ci vogliono ben due stagioni per trovare il padre di Mac e si risolve tutto in un unico episodio. Un po’ troppo frettoloso.

Quindi per me la serie funziona e mi piace che è lei stessa a non prendersi troppo sul serio, guardate il poster che ho messo. Mac è un po’ saccente a volte, ma la faccia scanzonata di Lucas rimedia ed i sottotitoli riguardo le località sono imperdibili. Dispiace per il personaggio della Lucas che è durato meno di una stagione, lei non era il massimo dell’espressività, ma Samantha poteva essere approfondita di più anche perché mandare Riley sul campo non mi è mai parsa un’idea brillante. E dispiace anche che George ci lascerà nella terza stagione. A vederlo non sembrerebbe un tipo difficile, eppure…

Mchan