Élite 2 parte 2

elite2poster

In questo post passo alle impressioni sui personaggi.

Samuel: si dimostra di nuovo il ragazzo semplice e troppo buono quale era nella prima stagione. Nonostante il fratello lo abbia tradito mettendo incinta e volendo scappare con la sua ragazza lui cerca in tutti i modi di farlo uscire di prigione (lavorando per pagargli la cauzione ed un buon avvocato) e scagionarlo dall’accusa di omicidio della su detta. La pseudo relazione con Carla lo snatura un pochino, ma penso che sia la dimostrazione di ci che sia disposto a fare per il fratello e spero che non si invaghisca di lei sul serio.

Carla: rimane la manipolatrice di sempre anche se a tratti sembra in bilico tra il nascondere a tutti i costi ciò che ha contribuito a commettere ed una sorta di pentimento. Continua però a non piacermi. Anche perché è proprio l’attrice che la interpreta a non piacermi. Bellissima, ma troppo impostata. I momenti con Samuel sono anche carini, ma arriva sempre qualcosa a rovinarli, che sia una frase od un atteggiamento.

Guzman: capisco la sua rabbia per la morte della sorella, ma non il suo prendersela per forza con Samuel. La sorella non era affatto una santa, anzi era una bella ipocrita che a fare la ribelle con le spalle coperte dai soldi di papino siam capaci tutti. La storia con Nadia carina, ma anche qui siam tornati indietro ed è comunque qualcosa di visto e rivisto: il ragazzo belloccio, ricco, viziato e vizioso che si innamora della povera e timida ragazza intelligente e con dei valori che lo redime e lo rende migliore. Poco importa se poi questi valori sono andati a farsi benedire. Era il mio personaggio preferito nella prima stagione, ma in questa ha fatto un involuzione, peccato.

Nadia: io la trovo incoerente e saccente a volte. E poi l’idea di trucco degli autori o make-up artist è sul serio solo un rossetto scuro? Io non ci trovo molta differenza dalla Nadia a casa o scuola e quella in disco, se non appunto il rossetto di una tonalità più scura. Che poi si lamenta che i genitori la tengano sotto chiave, ma a me è sembrato che non si sia persa mezza festa in discoteca.

Lu: non si può non adorarla. E’ una bitch (inteso come st****etta) fatta e finita, ma è anche il personaggio più coerente con sé stesso e che ti fa sorridere per le sue uscite. Ho letto molti commenti negativi sul suo buttare parole in inglese in mezzo alle frasi di tanto in tanto. Secondo me rispecchia un po’ il modo di parlare degli adolescenti. In rete si leggono di continuo termini inglesi messi in mezzo al posto della loro traduzione e perfino io da adolescente con le mie amiche buttavamo termini in inglese o spagnolo (perché lo studiavamo) in mezzo ai nostri discorsi o nei messaggi. Forse lei lo fa troppo spesso ed in frasi in cui non ci azzeccano granché (tipo nella scena al distributore automatico), ma chiamare la propria amica bitch si usa (od usava) anche se è orribile prendendola letteralmente (da adolescenti inorridivamo quando lo sentivamo, ma si usava). Oppure pensate a quante persone chiamano qualcuno queen/king o BFF od i termini in inglese che si usano nei siti per cercare lavoro che non si capisce un tubo di quello che uno dovrebbe saper fare, sembra chissà che ed invece è un lavoro comune. Comunque nonostante sia una bella viperetta non meritava il tradimento da parte di Gusman né come l’ha lasciata, appunto confessandoglielo. Lei a lui teneva sul serio.

Polo: hanno provato a farci impietosire con la storia degli attacchi di panico, ma con me non ci sono riusciti. Resta odioso lo stesso. Sono stata felice che non sia annegato nella piscina solo perché altrimenti il colpevole della morte di Marina poteva rimanere Nano.

Omar: non si può  non provare empatia per questo povero ragazzo (in tutti i sensi). Prima piega la testa ai voleri del padre ed è comunque vessato da esso e quando reagisce viene buttato fuori di casa. Stavo per piangere con lui. Come non si può non emozionarsi ogni volta che ha una scena con Ander. Il loro bacio in mezzo alla pista da ballo è stato dolcissimo. Quei due attori hanno una chimica pazzesca. E’ per questo che il “tradimento” di Ander è stato nosense.

Ander: già detto che è adorabile con Omar. Quindi perché farlo andare con Polo??? Ok che era un momento di crisi tra di loro e che si sta parlando di adolescenti guidati solo dagli ormoni nella maggior parte dei casi, ma hanno rovinato un bellissimo rapporto perché  comunque c’era fiducia e supporto. Però ho adorato la scena in ospedale quando ha incontrato la madre di lui: una gaffe dopo l’altra, imbarazzo puro, ma carino. Mi è un po’ calato nel finale quando non ha avuto il coraggio di confessare ciò che sapeva al suo migliore amico Guzman dopo una sua domanda diretta, tra l’altro.

Christian: si è visto solo nel primo episodio e sinceramente non se ne è sentita la mancanza. Stupido ed arrivista, non ha avuto il coraggio di dire la verità  per scagionare il suo vecchio amico nemmeno quando hanno cercato di ucciderlo per farlo tacere. Anche peggio del vero omicida. Avrei preferito fosse lui il ragazzo scomparso ed a dire di Carla morto.

Nano: non mi è mai stato granché simpatico, ma non meritava di rimanere in cercere.

I nuovi personaggi pensavo che non mi sarebbero affatto piaciuti perché palesemente fatti arrivare per raccontare qualcosa di nuovo e riempire un po’ di spazio, ma alla fine li ho apprezzati e pure dal primo momento. A parte una.

Valerio: fratello a metà (come piace definirsi a lui stesso) di Lu, spuntato un po’ dal nulla, buono per la trama con Guzman, di meno per l’incesto con la sorella. Davvero troppo anche per una serie eccessiva come questa.

Rebeka: tipetta tosta, ma con cuore. Mi è piaciuta molto l’amicizia disinteressata con Nadia, una cosa rara e poi finalmente vediamo quest’ultima interagire normalmente con un’altra ragazza, e l’aiuto che dà a Samuel, che nemmeno i suoi amici di vecchia data. Purtroppo non è stata sfruttata al massimo o comunque non come avrei voluto.

Cayetana: inutile. Ok che ci voleva una nuova “amica” per Lu dopo che il rapporto con Carla si è lacerato, ma la sua story line è stupida e non ha senso ai fini di quella principale. Tanto che nel primo episodio non c’era nemmeno. E poi che cavolo vuol dire il suo nome? In uno scontro con la madre le rinfaccia di averglielo messo per trasmetterle ambizione, ma il suo significato non ha nulla a che fare con essa. Ed in rete non ho nemmeno trovato dei personaggi famosi che lo abbiano. Che senso ha sparare quella battuta se poi non la si spiega? Mah. Ed ha anche leggermente stufato con la sua scusa che è cresciuta con la storia di Cenerentola. Al 90% delle bimbe di tutto il mondo viene raccontata questa fiaba ed anche altre simili, ma non tutte mentono ed organizzano una cena per spillare soldi alle persone più ricche che tra l’altro sono anche i genitori dei suoi compagni di scuola. Questo si chiama reato di frode. E no, non mi fa pena, nemmeno quando si abbraccia il nonno moribondo. Mi fa pena lui con una nipote così superficiale e subdola.

Piccola considerazione leggermente superficiale: ma perché le case dei ricchi sono tutte uguali? E tra l’altro bruttissime? Tutte moderne, grigie, di cemento e vetro e con svariate piscine sia all’interno che all’esterno. Non si capisce mai nell’immediato in che casa si svolge la scena che si sta guardando.

Mchan

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...