My lovely trips

Un articolo del Corriere della Sera di ieri mi fa pensare che tutti, ma proprio tutti, possiamo diventare giornalisti.

Argomento: cinema.

Titolo: Il cinema cancella un altro tabù: la malattia non va più nascosta.

All’interno pubblicità per tre film in uscita che trattano dell’argomento cancro e coma.

Io non so dove sia stata negli ultimi anni la giornalista, tale Giovanna Grassi, perché dice che di questi temi il cinema non ha parlato.

Voglio solo ricordarle: 50/50 (2011); La custode di mia sorella (2009); Bianca come il latte rossa come il sangue (2013); Paradiso Amaro (2011); L’amore che resta (2011); I passi dell’amore (2002); Il mio angolo di Paradiso (2011); Patch Adams (1998); Love is all you need (2012); Now is good (2012); Il bacio che aspettavo (2007).

E questi sono solamente quelli che mi ricordo, ma basta una piccola ricerca su Google digitando “movie cancer” e te ne escono a iosa.

Mchan

2 thoughts on “My lovely trips

  1. lapinsu ha detto:

    le marchette su quotidiani\TG sono il peggio del peggio
    puahhhh

    "Mi piace"

  2. afinebinario ha detto:

    Capperi se il cinema non ne ha parlato, ma cosa dice costei?!
    Hai ragione tu, siamo tutti giornalisti! 😉
    un abbraccio
    Affy

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...