Libri & Sequel

Tutte le cose che funzionano, e portano soldi, si pensa di poterle far proseguire ad oltranza.

A volte funziona, a volte no.

Ci sono libri (come film) che si prestano ad avere un seguito. Storie parallele poco esplorate, finali aperti o semplicemente il seguito della storia principale che è sì finita ma non del tutto.

Altri invece proprio no.

Alcuni seguiti sono scritti bene ed hanno un senso, altri non portano nulla di più all’opera prima, altri ancora era meglio evitarli.

Lasciando da parte del saghe fantasy ed i thriller con lo stesso protagonista come detective, che di seguiti ne hanno a iosa e che comunque si prestano molto a questo fenomeno, andiamo a vedere quali libri di narrativa hanno dei seguiti e come sono.

Questo post nasce dal fatto che in questo periodo sono usciti ben due seguiti di famosissimi libri: La vendetta veste Prada (da Il diavolo veste Prada entrambi di Lauren Weisberger) e Bridget Jones  (da Il diario di Bridget Jones entrambi di Helen Fielding).

Non li ho letti, perché sono appena usciti, però da quello che ho trovato in giro posso esprimere un pensiero.

Il diavolo veste Prada è stato un fenomeno ed anche un po’ uno scandalo, nel senso che la storia raccontata è a tratti autobiografica, l’antagonista è facilmente identificabile e tratta di una specie di tirannia sul posto di lavoro. Una sorta di nonnismo. Personalmente non mi ha scandalizzato più di tanto, purtroppo è di norma che le persone che hanno “potere” sfruttino i sottoposti anche per motivi strettamente personali. Più che altro mi ha infastidito. Più leggevo più trovavo molto più antipatica la tipa sfruttata che non la sfruttatrice. Perché è facile prendersela con la tiranna, però la tipa poteva anche reagire, cavolo! In fondo non si trattava nemmeno del lavoro dei suoi sogni, era un ripiego, un trampolino per altro, io l’avrei mandata a quel paese tipo alla decima pagina. E non è tanto per parlare. A me è successa davvero una cosa del genere, una capa che pretendeva il plus ultra per pochi spiccioli al mese ed in nero per giunta (e senza nemmeno la certezza di un contratto a breve). Sono andata via senza neanche avere la certezza di un altro posto lavoro. Non resistevo più.

Bene, ora l’autrice, dopo ben dieci anni, ne ha scritto il seguito. Dal titolo si direbbe che Miranda, l’antagonista, ne combinerà delle belle. Da quello che ho letto in giro si evince solamente che la protagonista, Andy, sarà impegnata nella preparazione del suo matrimonio, nell’aspettare un bimbo e nella direzione di una rivista sui matrimoni (e meno male che voleva fare la giornalista di cronaca/attualità… -.-‘). Quindi sarà tutto improntato su di lei, giovane donna in carriera, con un futuro marito molto ricco, che ancora ha paura anche solamente di sentirla nominare al suo vecchio capo.

Ok, chi mi dà l’indirizzo della signora Weisberger per poterle tirare in testa entrambi i libri? Che tra l’altro contano più di 400 pagine l’uno???

Mchan

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...